Sulu tu e ghhij - Dal sito Tarsiadialetto

Trova significato
Vai ai contenuti

Menu principale:

'Nzorfa

Sulu tu e ghhij

'A' stata 'un vida l'ura,
stì cosci tua janchi
d'accarizzall'u sulu,
e i minni e i fijanchi.

Vurpignu, 'a matìna,
t'aspettad'ara spiaggia,
e a ttìa t'incannulìa
ccù tanti e tanti raggi.

Tu, queta, t'ammasuni,
ti lassi accuccunari,
divijnti nu pizzuluni,
ghé testimoni'ù mari:

t'arrùusuùl' aru fuucu
ccù nù gulìu d'amuri,
vò ghessa possiduta
'nsilenziu, e ccù arduru.

'A notti t'à già scurdata,
strinda 'ndà stì vrazzi,
i chir'amanti dispiratu,
i stà passiuna pazza.

I vasi tuj van'aru cjilu,
aru vjindu i capiddhri;
simi  nuvi, tu e ghij,
ù sulu e tutt'i stiddhri.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu