Cani e gatti - Dal sito Tarsiadialetto

Trova significato
Vai ai contenuti

Menu principale:

'Nzorfa

Cani e gatti

'Un sacci picchì, i quanni m'arricuurdu,
cani e gatti sani tinuti sembi lundani,
'un c'è statu versu ca vani d'accuurdi,
'un c'è modu ca si stringini a mana.
Appena u gattu smircia annu canu
gazid' a cuda, sincurvid'a sckina,
ppì si liticà unn'aspetta dumani,
spodera l'unghja e all'uucchi si mina.
'Un sa proprij cchì fari, u poviru canu,
abbaia e cerca i tuttu ppì si difenne,
gira d'intuurnu, pù fermu rimana
fa nù poc'u furbu e doppi s'arrenna.
'Nda stu munnu cumbusu e marturiatu
ppì lotti e guerre, e chjn'i 'mbrugliuni,
'nda stu munnu i marvaggi e 'mpistati
di cani e di gatti ci nnè a miliuni.
'Nda stessa famiglia si perd'u puduru,
i mariti ammazzini pur'i muglieri!
Si litichini sembi, e a tutti l'uri,
diputati, sinaturi e cunsiglijeri.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu