Na matinata i vijndi - Dal sito Tarsiadialetto

Trova significato
Vai ai contenuti

Menu principale:

'Nzorfa

Na matinata i vijndi
(da un'idea di Maria Grazia Grispino)

Nu vijndi forti e friddi, stamatina,
sbattid'i finest'i na casa abbannunata,
chì 'mposti rutt'e sckasciati, na ruvina,
e i purtijddhri, tingh'e tanghe, sbilanzati.

Mi stà stunann'a capa, stu rumuri,
e pijnsi: “chisà chini cià nat'e c'è trasutu,
quanta gioia e surrisi, 'nda sti muri,
e adduvi ghè stà genda, adduvi sinn'è juta.”

“Chi m'interessa,” 'ncapa a na menzura,
“a riminiari tutti sti cosi du passatu,
e vai studianni pej'i nu griminsuru
i fatt'i na vota, i chiri ch'è stati?

Vida chhì matinata, e cch' pinsijri,
e ricuurd'i nu tijmpi c'un c'è cchiù.
Vassulacchia a chiri chè stati ghijri,
u passatu ghè 'nda menda, u sa sulu tu.”

 
Torna ai contenuti | Torna al menu