Canti popolari tarsiani 1933 - Dal sito Tarsiadialetto

Trova significato
Vai ai contenuti

Menu principale:

'Nzorfa

Canti popolari tarsiani – 1933 XI
Raccolti a cura di Gaetano Rende di S. Lauro.
(Per gentile concessione del  Prof. Dott. Mario Rende).
I testi sono stati trascritti come da originale.


Che hai giuiuzza mia.

Che hai giuiuzza mia, che staie afflitta
Sempe te trovo cu lu chiante all'uocchie;
Ancuna cosa mammeta t'ha ditta
Vode che nun'haie amare il mio compuorto.
Saie che dico a tia: suffrisc'e citto
Che chiù suffrisce e chiù bene te vuoglio
Ca ven'ancunu juorno beneditto,
Te piglio pe na man'e e te ne puorto.

Statte ferma culonna.

Statte ferma culonna e tiene fede
Ca lu tuo amato al braccio ti vuole;
Nun sono come gli altri senza fede
Mancante nun te vengo de parole.
Rape stu piettu mio rapelo e bide
Nce truovo fedeltà e non parole
Chest'è n'esperienza ca se vede
Che n'ama amare sinu allu muriri.

Stanotta bella nzuonne.

Stanotta, bella, nzuonne me veniste
E cu li mode tui mi cunsulasti;
Mentre mme cunsulasti mme diciste:
Amor, senza di tia nun pozzu stare.
La mana fortemente me stringiste,
La bocca dolcemente me baciaste:
E mentre me baciavi me spariste
Dinta lu suonn'affanno me lasciaste.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu