Acampana - Dal sito Tarsiadialetto

Trova significato
Vai ai contenuti

Menu principale:

I juuch'i

A campana

si disegnavano per terra delle caselle (in genere 7, o anche di più);  a turno ognuno lanciava un sasso ( u buccinu, di solito piatto) che doveva rimanere entro la prima casella, quindi si saltava dentro la casella, si prendeva con la mano il sasso poi, su un solo piede,  si saltavano le altre caselle e si tornava all'inizio. Vinceva chi per primo riusciva a far cadere il sasso in tutte le caselle e completare il percorso senza mai toccare con i piedi le linee tracciate. C'erano anche delle varianti (tenere ad esempio la pietra sul capo), che dipendevano dall'abilità dei partecipanti.


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu